Dermabase.it
OncoDermatologia
Melanome 2018
Melanome

Dutasteride, negli uomini con alopecia androgenetica recalcitrante alla Finasteride


Nella alopecia androgenetica, la Finasteride ( Propecia ) alla dose di 1 mg/die può produrre miglioramenti significativi nel 30-50% dei pazienti.
Dutasteride ( Avodart ), un doppio inibitore della 5-alfa-reduttasi sia di tipo I sia di tipo II, inibisce la conversione del testosterone in diidrotestosterone, che è il fattore chiave della alopecia androgenetica.

L'obiettivo è stato quello di valutare l'efficacia clinica e la tollerabilità della Dutasteride negli uomini con alopecia androgenetica, che non hanno presentato un miglioramento clinico al trattamento convenzionale con Finasteride.

Un totale di 35 uomini coreani con alopecia androgenetica che non avevano mostrato un significativo miglioramento clinico dopo trattamento con Finasteride 1 mg/die per almeno sei mesi hanno ricevuto Dutasteride alla dose di 0.5 mg/die per sei mesi.

L'efficacia è stata valutata mediante una valutazione fotografica globale e fototricogramma. La valutazione della sicurezza è stata effettuata attraverso l'esame fisico e la relazione degli eventi avversi.

Dei 31 pazienti che hanno completato il trattamento, 24 pazienti ( 77.4% ) hanno presentato un miglioramento fotografico ( 17 lievemente, 6 moderatamente, e 1 marcato ) rispetto al trattamento post-Finasteride.

Non è stato riscontrato alcun cambiamento significativo in 7 pazienti ( 22.6% ); non è stato segnalato aggravamento.

La densità dei capelli e lo spessore notevolmente aumentato del 10.3% ( 87 ± 12-96 ± 12 /cm2 ) e il 18.9% ( 0.053 ± 0.012-0.063 ± 0.011 mm ), rispettivamente, nella valutazione con fototricogramma.

Tra gli effetti collaterali è stata segnalata disfunzione sessuale transitoria in 6 pazienti ( 17.1% ).

In conclusione, la Dutasteride potrebbe rappresentare una opzione di trattamento alternativo per i pazienti con alopecia androgenetica che non rispondono clinicamente alla Finasteride nell’arco di 6 mesi. ( Xagena2014 )

Jung JY et al, Int J Dermatol 2014; 53: 1351-1357

Dermo2014 Farma2014


Indietro